Agricoltura Biologica come quella convenzionale: ma mi faccia il piacere!

La rivista scientifica Annals of Internal Medicine ha pubblicato uno studio comparativo sul valore nutrizionale di biologico e convenzionale concludendo che il consumo di alimenti biologici può ridurre l’esposizione ai residui di pesticidi e a batteri resistenti agli antibiotici. Buona notizia? Sì, no, mah. E infatti Repubblica rilancia lo studio e titola che il cibo biologico è bocciato a metà. Poteva anche essere promosso a metà, ma tant’è.

Lo studio comunque non appare robustissimo: Su 5.908 potenziali articoli vagliati dagli autori, solo il 4% ha soddisfatto i criteri di indagine e di questi appena 17 hanno a tema la salute umana. Tra gli studi analizzati, diversi sono risultati leggermente favorevoli al biologico, ma il livello di significatività statistica non è stato ritenuto sufficiente a generalizzare le conclusioni. Per un nutriente per il quale il biologico si dimostra migliore, il fosforo, gli autori ne hanno sminuito la rilevanza nutrizionale in quanto le sue carenze sono rare. Simili conclusioni per i fenoli e gli acidi grassi omega3.

La differenza significativa nel rischio di esposizione a pesticidi o a batteri resistenti agli antibiotici (per esempio nelle carni avicole e suine) non sembra dunque rappresentare un ‘valore’ salutistico rispetto alla marcata attenzione esercitata dai contenuti in (micro)nutrienti dei singoli alimenti, di recente à la mode, senza tra l’altro troppo interrogarsi sulle diete e sulle abitudini alimentari che li incorporano.

Linkiamo in proposito le acute osservazioni di merito ricevute da Roberto Lessio.

 

Fonte www.aiab.it

Lascia un Commento