Dall’Europa 20 milioni di euro all’Italia per il programma Frutta nelle scuole

L’Unione Europea ha confermato anche per l’anno scolastico 2012/2013 il Programma Frutta nelle Scuole. Istituito nel 2007, tale programma ha un importante valore di educazione alimentare ed è finalizzato ad aumentare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini e ad attuare iniziative che supportino più corrette abitudini alimentari e una nutrizione maggiormente equilibrata, nella fase in cui si formano le labitudini alimentari.
Oltre ad aver confermato l’iniziativa, l’UE ha stanziato per l’attuazione del suddetto programma 90 milioni di euro, da distribuire tra i 24 Stati membri che aderiscono all’iniziativa, a seconda del peso della loro popolazione tra i 6 e i 10 anni e a seconda delle esigenze espresse dagli Stati membri interessati.
Tra tutti gli Stati membri che partecipano al Programma Frutta nelle Scuole, l’Italia è riuscita ad aggiudicarsi lo stanziamento maggiore di fondi: 20,5 miliardi di euro. Seguono per importanza dei finanziamenti ottenuti la Germania, a quota 11,6 milioni, la Romania con 9,8 milioni di euro, al Polonia, che si vede assegnati 9,2 milioni di euro, la Francia e la Spagna, rispettivamente con 5,6 e 4,8 milioni di euro.

Lascia un Commento