Fiere e mostre aprile 2011

Roma 10 aprile, Altra Domenica & Biomercato

Dalle 10 del mattino fino a sera, torna il biomercato domenicale che porterà circa 40 produttori di biologico alla Città dell’Altra Economia di Testaccio (l’ex Mattatoio, ingresso largo Dino Frisullo e lungotevere Testaccio). Per le 10 è prevista l’apertura dei banchi, quindi per tutta la giornata si alterneranno laboratori, degustazioni, musica dal vivo. L’iniziativa si ripeterà tutte le domeniche fino a giugno. Info: AIAB Lazio, 333 7035270, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


A Sassari il sabato è bio

Gli agricoltori biologici sono di nuovo in piazza, a Sassari, continuando  l’appuntamento con il mercato iniziato l’anno scorso, previsto la mattina di ogni ultimo sabato del mese in via Manno. Dopo il successo degli incontri precedenti, AIAB, in partenariato con Biosardinia, propone ai consumatori  una vasta gamma di prodotti sardi, ottenuti con sostanze e procedimenti naturali applicando un sistema basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali e l’applicazione di rigorosi criteri in materia di benessere degli animali. Questo metodo svolge una duplice funzione sociale: soddisfa i consumatori che richiedono un mercato specifico dei prodotti biologici e fornisce beni pubblici che concorrono alla tutela dell’ambiente, al benessere degli animali e allo sviluppo rurale. Prosegue inoltre l’attività divulgativa sulla filiera corta prevista dal progetto LoginBIO che, oltre a dare il via a “Mercati specializzati quale quello in questione, vuole indirizzare i consumatori a costituirsi in GAS (Gruppi d’Acquisto Organizzati)”. Tra formaggi, ortofrutta fresca, bevande, prodotti da forno, miele, mirto, olio, la maglieria e i tessuti bio ecologici di un laboratorio artigiano, l’appuntamento mensile è caratterizzato dalla presentazione di una delle aziende partecipanti all’evento. Per conoscersi a fondo.

A Spilamberto il mercato si chiama Biospilla

Il Comune di Spilamberto (Mo), in collaborazione con l’AIAB Emilia Romagna e l’associazione dei Produttori Biologici e Biodinamici della regione (Pro.B.E.R.), ha promosso e ospita il progetto Biospilla, mercato di produttori biologici ed equo solidali. La manifestazione si tiene ogni venerdì mattina presso il torrione medievale dell’antica cittadina del Modenese. Scopo dell’evento è favorire l’economia locale, promuovendo e preservando le coltivazioni tipiche del territorio, migliorare la qualità alimentare dei cittadini e diffondere l’utilizzo di tecnologie a basso impatto ambientale, come la buona pratica della filiera corta. Dal 2009, inoltre, al mercato partecipa un GAS creatosi grazie alla collaborazione dell’Associazione Overseas. Il gruppo si è costituito dopo aver verificato la possibilità di ottenere un prezzo favorevole rispetto a chi acquista ai banchi del mercato, aver definito il contenuto delle BioCassette, aver stabilito luogo e orari grazie alla disponibilità di un volontario per la consegna e il ritiro dei soldi. Tra le iniziative attivate dal GAS, spicca la scelta da parte degli operatori del mercato di destinare il 5% di ogni acquisto a un progetto di cooperazione sulla sicurezza alimentare. L’AIAB ha condiviso questo progetto soprattutto per aiutare i consumatori ad essere consapevoli dei propri acquisti, aggiungendo a questi un valore etico.

Milano, BtoBIO: la nuova fiera internazionale del bio dall’8 all’11 maggio 2011

BtoBio expo, oltre a essere la prima manifestazione professionale del biologico certificato, sta organizzando una serie di incontri, convegni, workshop e iniziative a favore di espositori e operatori. Si tratta di appuntamenti importanti che coinvolgono i vari aspetti del mondo del biologico, dall’allevamento zoologico alla cura con gli alimenti, dall’acquacoltura bio al vino, alla soia libera da OGM, dalle prospettive del mercato internazionale alle opportunità di innovazione e sviluppo tecnologico, dalle tecniche di allevamento alla presenza del biologico nei canali di distribuzione tradizionali: mense scolastiche, ristorazione collettiva e organizzata e normal trade, ad esempio, saranno oggetto di convegni e dibattiti molto importanti cui prenderanno parte alcuni dei protagonisti del mondo istituzionale, del biologico e del convenzionale, insieme ad associazioni, editori, professionisti e analisti.

BtoBIO è quindi un grande momento di business a favore dell’accelerazione della presenza del biologico certificato nei mercati italiani e internazionali, ed è anche un grande tavolo di confronto su indicazioni utili e preziose sul mercato e le sue prospettive, le tecnologie e le normative, una grande agorà in cui si discuterà anche di costi, prezzi, valori e cultura del bio.

Il calendario, in fase di ultima definizione, è sempre aggiornato sul sito della fiera

Interessante, e anche avvincente, la collaborazione tra BtoBIO e CHIC, l’associazione Charming Italian Chef, che organizzerà stage di alta cucina e incontri formativi con noti cuochi, anche stellati Guida Michelin, per uno showcooking continuo durante le giornate di fiera, a beneficio di espositori, visitatori, stampa e studenti di istituti professionali.

Non solo: Chic gestirà anche il Bio-ristorante, che ogni giorno proporrà un bio-menù diverso, teso a valorizzare le eccellenze territoriali italiane con l’offerta di piatti tipici, preparati e proposti da professionisti di altissimo livello.

Lascia un Commento