Sformatini biologici di riso e spinaci in crema di zucca

Preparazione: 25′
Cottura: 45′
Difficoltà: Facile
Vegetariano, senza glutine, medio imp glic

Per 4 persone
180 g di riso semifino (preferibilmente Vialone nano), 600 g di spinaci (peso della verdura già mondata), 150 g di provola affumicata, 1 uovo, 35 g di burro, 1 cucchiaio di farina di riso, 750 ml di latte, olio e. v. d’oliva, sale, noce moscata, pepe bianco
Per la crema: 400 g di polpa di zucca, 750 ml di latte, sale, noce moscata, pepe bianco.

1 Lessate per 10 minuti il riso nel latte leggermente salato e insaporito con noce moscata e pepe. Scolate il riso, stendendolo in un grande piatto e conservate il latte, che sarà denso e saporito.
2 Tagliate la zucca a cubetti e lessatela nel latte previsto per la crema per 15 minuti. Scolatela, passatela allo schiacciapatate, unite sale, pepe, noce moscata e 2-3 cucchiaiate del suo latte ottenendo un purè molto denso. Tenetelo in caldo.
3 Sbollentate gli spinaci per 3 minuti in acqua salata, strizzateli tra le mani con forza e poi fateli insaporire per 5 minuti in un padellino insieme al burro finché non saranno asciutti. Tritateli finemente e diluiteli con 4-5 cucchiaiate del latte del riso messo da parte, ricavando una crema densa. Alla fine controllate il sale.
4 Battete l’uovo, mescolatelo con la provola grattugiata o tritata, la crema di spinaci, pepe, noce moscata e amalgamate il tutto con il riso. Il composto deve risultare molto fluido: nel caso aggiungete ancora un po’ del latte del riso.
5 Oliate degli stampini, tipo quelli da crème caramel con base da 6 cm, ripassateli con la farina di riso e riempiteli per non più di tre quarti con il riso agli spinaci. Bagnate la superficie di ciascuno con un cucchiaio di latte del riso e infornate a 180 °C per 20 minuti. Sfornate e lasciate riposare per 5 minuti circa.
6 Stendete il purè di zucca caldo nei piatti, anche questi possibilmente caldi, posatevi al centro gli sformatini e servite subito.

Un Commento a “Sformatini biologici di riso e spinaci in crema di zucca”

Lascia un Commento